Simone Weil: la più bella virtù è l’Umiltà

Per la Weil, infatti, la virtù filosofica per eccellenza restava l’umiltà, nel senso che ciascuno non deve avere la pretesa di “conquistare” una qualche verità, ma mettersi in attesa che essa discenda in lui dopo averla, a lungo, desiderata. La filosofa francese aspirava a tale virtù ma sapeva di non possederla e, a tale riguardo, … Continua a leggere Simone Weil: la più bella virtù è l’Umiltà

Simone Weil: Dio e l’umanità sono come due amanti…

«Dov'è andato il tuo diletto, o bella fra le donne? Dove si è recato il tuo diletto, perché noi lo possiamo cercare con te?». (Cantico dei Cantici, 6,1) «Dio e l’umanità sono come un amante e una amante che si sono sbagliati circa il luogo dell’appuntamento. Ciascuno è li prima dell’ora, ma sono in due … Continua a leggere Simone Weil: Dio e l’umanità sono come due amanti…

Simone Weil. La croce: condanna-redenzione 

La Croce, al contempo strumento di condanna e di redenzione, divenne per la Weil «una bilancia dove un corpo fragile e leggero, ma che era Iddio, ha sollevato il peso dell’intero mondo. “Dammi un punto di appoggio e solleverò il mondo”. Questo punto d’appoggio è la Croce. Non ce ne possono esser altri. Bisogna che … Continua a leggere Simone Weil. La croce: condanna-redenzione 

Simone Weil: l’unico Mediatore è Cristo

Simone Weil dopo la sua svolta mistica, ha intessuto con Cristo un rapporto unico e senza intermediari; vi era solo Lei e Cristo come leggiamo in una delle sue opere, La Grecia e le intuizioni precristiane: «Il Cristo è mediatore da una parte fra Dio e noi, dall’altra fra Dio e l’universo; e anche noi, nella misura … Continua a leggere Simone Weil: l’unico Mediatore è Cristo

Simone Weil, un Dio che gioca a nascondino

Rileggendo alcuni passi dei Quaderni, mi colpiva come, in modo originale e diretto la filosofa ci presenta in maniera inusuale le immagini di Dio e della creazione. Dio gioca a nascondino con l'uomo, un nascondimento che non è assenza ma presenza, viva e continua nella creazione. Come lei stessa scriverà: «Come un bambino si nasconde alla madre, … Continua a leggere Simone Weil, un Dio che gioca a nascondino

Simone Weil: La contraddizione di amare la nostra miseria

"Solamente la contraddizione ci fa provare che non siamo tutto. La contraddizione è la nostra miseria, e il sentimento della nostra miseria è il sentimento della realtà. Perché non siamo noi a fabbricare la nostra miseria. Essa è vera. Per questo è necessario amarla. Tutto il resto è immaginario. Per essere giusti bisogna essere nudi … Continua a leggere Simone Weil: La contraddizione di amare la nostra miseria

Simone Weil e la questione gnostica 

Il pensiero di Simone Weil, una delle voci più significative del '900, ha conosciuto in questi ultimi anni una rinnovata fortuna. Sebbene l'opera della filosofa, mistica e scrittrice francese sia stata oggetto di numerosi studi che l'hanno analizzata da diverse prospettive, alcuni aspetti della sua riflessione sono stati trascurati dalla critica e restano terreno fertile … Continua a leggere Simone Weil e la questione gnostica 

Simone Weil: la forza del Padre Nostro

Simone Weil dopo  aver vissuto la settimana santa  a Solesmes (1938), inizia a pregare ogni  mattina il Padre nostro, una preghiera che gli fa sperimentare la presenza di Cristo in persona. «Il potere di questa pratica è straordinario e ogni volta mi sorprende, poiché, sebbene lo sperimenti tutti i giorni, esso supera ogni volta la … Continua a leggere Simone Weil: la forza del Padre Nostro

Simone Weil: la croce come bilancia 

Nella sua opera la Condizione Operaia leggiamo: «L’immagine della Croce, paragonata ad una bilancia, nell’inno del Venerdì Santo, potrebbe essere un’inesauribile ispirazione per coloro che portano pesi, maneggiano leve e sono, la sera, stanchi per la pesantezza delle cose. In una bilancia un peso considerevole e prossimo al punto di appoggio può essere sollevato da … Continua a leggere Simone Weil: la croce come bilancia 

“La croce è la nostra patria” Simone Weil e l’enigma della croce

Simone Weil sentì la vocazione di collocarsi sulla soglia della Chiesa, nel punto di intersezione fra credenti e non credenti e fra cristianesimo e altre religioni, per cui il suo messaggio risulta, rispetto alla Chiesa, per molti versi provocatorio e urtante ma anche ricco di spunti di una propositività vivificatrice. L’assoluta centralità accordata alla figura … Continua a leggere “La croce è la nostra patria” Simone Weil e l’enigma della croce

Simone Weil: divertirsi con le bugie 

Spesso presi dalle mille cose da fare, non ci rendiamo conto della vera realtà che ci circonda. Vivendo una vita fatta di falsità e ipocrisia in cui ci si costruisce una immagine da prototipo che la moda ci obbliga ad incarnare. In giro si vede solo gente omologata: stessa pettinatura, stesso abbigliamento, stesso taglio di … Continua a leggere Simone Weil: divertirsi con le bugie 

Simone Weil: il cuore invisibile del mondo

"Non lasciarti imprigionare da nessun affetto. Preserva la tua solitudine. Il giorno, se mai esso verrà, in cui ti fosse dato un vero affetto, non ci sarebbe opposizione fra la solitudine intima e l’amicizia; anzi, tu potrai riconoscerla proprio a quel segno infallibile. La solitudine è il crogiolo dell’amore. E’ la prova per la quale … Continua a leggere Simone Weil: il cuore invisibile del mondo

Simone Weil: Il miracolo dell’Amicizia

A proposito dell'amicizia... "È una colpa desiderare di essere capiti prima di aver chiarito se stessi ai propri occhi – significa cercare dei piaceri nell'amicizia, e non meritati – è qualcosa di più corruttore anche dell'amore. Venderesti la tua anima per l'amicizia... Impara a respingere l'amicizia, o piuttosto il sogno dell'amicizia. Desiderare l'amicizia è una … Continua a leggere Simone Weil: Il miracolo dell’Amicizia

Simone Weil: non cessare di amare

A proposito dell'amare anche nella sofferenza... "Gli effetti esteriori della vera sventura sono quasi sempre cattivi e quando li si vuol dissimulare, si mente. Ma è proprio nella sventura che risplende la misericordia di Dio; nel profondo, nel centro della sua inconsolabile amarezza. Se perseverando nell'amore si cade fino al punto in cui l'anima non … Continua a leggere Simone Weil: non cessare di amare

Simone Weil: la Passione è una fabbrica di illusioni 

L'amore - afferma Simone - è qualcosa che va oltre il desiderio della passione; quest'ultima inganna l'uomo, nell'illusione di vivere un amore libero ma che in realtà lo rende schiavo e lo porta lontano dalla verità. "La passione è una grande fabbrica d'illusioni, solo chi è riuscito a liberarsene può raggiungere la libertà".(WEIL S.)

Simone Weil: Siamo lo specchio di Dio

Dopo la sua “chiamata”, Simone Weil prese le distanze dalla Chiesa cattolica, benché l’esperienza mistica l’avesse fortemente inserita all’interno della dimensione religiosa. L’obiettivo di Simone divenne quello di avvicinarsi agli archetipi eterni, tra cui Cristo ritenuto il più perfetto tra tutti, uscendo dal tempo; non credeva invece che Dio potesse tornare a riprendere il tempo … Continua a leggere Simone Weil: Siamo lo specchio di Dio